Comune di Tirano - Piazza Cavour, 18 - 23037 Tirano (SO) - Codice fiscale Partita I.V.A. 00114980147 - P.E.C. comune.tirano@legalmail.it - Codice IPA: UF9KER

Comune di Tirano

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Comunicati Stampa Tirano Teatro 2019-2020 - Comunicato Stampa

Tirano Teatro 2019-2020 - Comunicato Stampa

E-mail Stampa PDF

Comunicato Stampa
Tirano, 3 ottobre 2019

Torna piena di ritmo la stagione teatrale TIRANO TEATRO: tra grandi ritorni e comica quotidianità.

Torna la stagione TiranoTeatro piena di ritmo, fra classici e moderni, monologhi e ensemble corali. Cinque diversi spettacoli che compongono una stagione teatrale all'insegna della poesia e della comicità originale, attraversata da un filo rosso musicale e da uno sguardo su quella follia che genera arte ma che, detto con Pirandello, è anche un po’ parte della vita di ognuno ma anche tragicomica, pungente e feroce, capace di riportarci alla realtà dei nostri giorni.

LOCANDINA TEATRO TIRANO 2019 20


L’Assessora alla Cultura e Turismo Sonia Bombardieri in conferenza stampa ha ricordato come “ l’Amministrazione ha incrementato le risorse per la stagione teatrale per offrire proposte di alta qualità, ma ha voluto mantenere fermo il costo dei biglietti consapevole che il teatro, arte comunitaria per eccellenza, è un tassello importante nella crescita culturale di una città ”.

Lorenzo Minniti , direttore artistico e gestore della stagione, ha evidenziato la qualità dei 5 spettacoli e degli artisti coinvolti, alcuni dei quali tornano a Tirano dopo il successo riscosso nelle passate edizioni.

La partenza è prevista giovedì 21 novembre, come di consueto presso il Cinema Teatro Mignon di Tirano, ed è affidata alla pièce comica e paradossale “Alle 5 da me” uscita dalla penna brillante di Pierre Chesnot e messa in scena da due favolosi interpreti, Gaia de Laurentis e Ugo Dighera. Una commedia esilarante che vede protagonisti cinque donne che corteggiano un uomo e cinque uomini che corteggiano una donna per una serie di incontri disastrosamente ridicoli.

Da un piccolo gioiello di comicità a un vero e proprio omaggio a Goldoni e al suo teatro nella “Locandiera” raffinata e accattivante di Andrea Chiodi, apprezzato regista nell'edizione dello scorso anno, assieme allo straordinario Tindaro Granata, in programma mercoledì 11 dicembre. Una sorprendente macchina teatrale, capace di rappresentare l'intero immaginario goldoniano.

Dalle maschere goldoniane si passa, con il nuovo anno, giovedì 23 gennaio, a quelle strampalate della Rimbamband che torna a Tirano con uno spettacolo in cui metafora musicale e gioco teatrale convergono e la comicità va a braccetto con la clownerie, il mimo e la straordinaria capacità musicale degli interpreti. Manicomics è follia che diviene libertà, energia, creatività e divertimento

Alle patologie messe in musica da Manicomics fa eco l’opera partenopea “ New Magic People Show” che ci riporta nell'Italia dei nostri giorni con un comico, feroce e colorito avanspettacolo pop dal ritmo vertiginoso. Dall’opera di Giuseppe Montesano con Enrico Ianniello, Tony Laudadio, Andrea Renzi ci mostreranno le piaghe di una modernità soffocante, in continuo black out.

A chiudere la stagione alle porte della primavera, giovedì 19 marzo, un’intensa prova d'attore di Corrado d’Elia che ci propone un viaggio interiore nell’anima imponente di un artista geniale, “ Io, Vincent Van Gogh” nel quale le emozioni trovano forma sul palcoscenico.

Infine, per chi ama conoscere il “teatro dietro le quinte” TiranoTeatro offre la possibilità di incontrare gli artisti prima di ogni spettacolo nelle ormai tradizionali conversazioni in Biblioteca, alle ore 18,00, prima di ogni spettacolo.

La stagione TiranoTeatro è promossa dal Comune di Tirano con l’organizzazione del Centro Teatrale Lariano e il contributo di Regione Lombardia per i Circuiti Teatrali Lombardi.

 

Ingresso : biglietto posto unico € 16,00, abbonamento: € 70,00 - Prevendita abbonamenti: a partire da sabato 26 ottobre per gli abbonati della stagione 18/19; dal 9 novembre per i nuovi abbonati. I biglietti degli spettacoli sono disponibili a partire da sabato precedente il giorno dello spettacolo. Per l’apertura di stagione, a partire da sabato 16 novembre 2019.

Informazioni e prevendita: Biblioteca Civica Arcari – Tirano, tel. 0342 702572 - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. dal martedì al sabato ore 9.00-12.00 e 14.00-18.00.

 

PROGRAMMA E SINOSSI SPETTACOLI

 

ALLE 5 DA ME

Giovedì 21 novembre 2019, ore 21

di Pierre Chesnot - regia di Stefano Artissunch, con Gaia De Laurentiis, Ugo Dighero

Produzione: Artisti Associati - Synergie Arte Teatro

Commedia esilarante che racconta i disastrosi incontri sentimentali di un uomo in cerca di stabilità affettiva e di una donna alla ricerca spasmodica di un essere di sesso opposto che le possa garantire una procreazione senza l’uso di provette! Protagonisti cinque donne che corteggiano un uomo e cinque uomini che corteggiano una donna. Come spesso capita nella vita, quando si vuol incontrare qualcuno alla svelta, si diventa poco selettivi, così, i due protagonisti finiscono per trovarsi ad accogliere in casa personaggi davvero singolari ed a tratti paradossali, attraversando un vero e proprio percorso ad ostacoli che li porterà a cimentarsi con grande maestria nelle più svariate interpretazioni e dimostrando ognuno le proprie straordinarie capacità attoriali.


LA LOCANDIERA

Mercoledì 11 dicembre 2019, ore 21

di Carlo Goldoni - regia di Andrea Chiodi

con Caterina Carpio, Tindaro Granata, Mariangela Granelli, Emiliano Masala, Francesca Porrini

Produzione: Proxima Res

Partendo dai Memoires Goldoniani in cui lo stesso Goldoni afferma di essere partito da bambino giocando con delle piccole poupettes a costruire i suoi testi e a pensare che non bastava più un canovaccio ma era necessario un testo, gli attori interagiscono con questo mondo dell’infanzia di Goldoni e dialogano di volta in volta con delle piccole bambole che rappresentano in modo efficace i rapporti tra i personaggi e la straordinaria macchina teatrale che è la locandiera. Una locandiera che agisce tutta intorno ad un grande tavolo, tavolo da gioco e tavolo da pranzo, così chiaro il che cosa avviene sopra e meno chiaro che cosa avviene sotto, una locandiera che è sicuramente la rappresentazione del Don Giovanni letterario ma al femminile, con i personaggi che appaiono e scompaiono tra una moltitudine di costumi del repertorio del teatro di Goldoni. Un gioco insomma che coinvolge i protagonisti nel mondo caro a Goldoni, dalle maschere che se ne vanno, ai costumi del repertorio fino alle sue amate poupettes dell’infanzia.


MANICOMIC

Giovedì 23 gennaio 2020, ore 21

di Raffaello Tullo - Regia di Gioele Dix,

con Raffaello Tullo, Renato Ciardo, Nicolò Pantaleo, Francesco Pagliarulo, Vittorio Bruno

Produzione: AGIDI

Quando l’esperienza e la sensibilità di un grande del teatro come Gioele Dix incontra l’incontenibile esuberanza dei cinque artisti più effervescenti della scena italiana, la miscela non può che essere esplosiva! E quindi eccoli… Sono una band. Suonano e sono più o meno consapevoli di essere tutti affetti da numerose patologie mentali: ansie da prestazione, disturbo della personalità multipla, sindromi ossessivo compulsive. Uno di loro è un alcolista depresso, non essendo riuscito a realizzare il sogno di una vita: ballare alla Scala. E poi c’è un imprevedibile bipolare, cioè come sarebbero Jekyll e Hyde se fossero un pianista... Un medico psichiatra prova, attraverso un percorso terapeutico, a sbrogliare questa intricata matassa e a condurre i suoi pazienti alla guarigione: musica, sport, teatro, viaggi, cinema: tutto è terapia. Ma i pazienti sono duri a guarire e nonostante i continui richiami del terapeuta e le loro migliori intenzioni, non riescono a liberarsi dalle loro ossessioni. Una sorta di “Qualcuno volò sul nido del cuculo” in versione comico/teatrale, in cui la follia si trasforma in libertà, energia, divertimento e creatività. Perché non può esserci arte senza follia e... da vicino, nessuno è normale.


NEW MAGIC PEOPLE SHOW

Martedì 11 febbraio 2020, ore 21

dal romanzo di Giuseppe Montesano - drammaturgia di Giuseppe Montesano

con Enrico Ianniello, Tony Laudadio, Andrea Renzi, Luciano Saltarelli

Produzione: Teatri Uniti / O.T.C. Onorevole Teatro Casertano

Su un ritmo vertiginoso da commedia nera Giuseppe Montesano chiama in scena il suddito televisivo, il consumatore globale, l’uomo medio assoluto, lo schiavo della pubblicità, e poi i risanatori dell’economia nazionale, i venditori di spiagge, i venditori di aria da respirare, i venditori e i compratori di anime. Un comico, feroce e colorito avanspettacolo pop, dove gli attori scoprono le piaghe di una modernità livida e terribile, dove il caldo è soffocante e i black out continui. In un crescendo che mescola l’opera buffa e il dramma si scoperchia allora il formicaio brulicante di questo show postmoderno, dove vive un Popolo Magico fatto di ridicoli mostri drogati dal sogno del denaro, di prigionieri illusi di essere liberi, di gaudenti che hanno seppellito la passione e l’amore. Un ilare e tragico romanzo teatrale dell’Italia malata di questi ultimi anni.


IO, VINCENT VAN GOGH

Giovedì 19 marzo 2020, ore 21

regia e interpretazione di Corrado d’Elia

Produzione: Compagnia Corrado d’Elia

Van Gogh è l’artista più amato e più incompreso di sempre. Quello che gronda anima oltre che colore. L’artista puro, il genio, quello che più di altri ha fatto della sua pittura una necessità. A partire dallo straordinario patrimonio di pensieri che sono le lettere di Van Gogh al fratello Theo, ecco dunque un nuovo album a firma Corrado d’Elia. In un autentico flusso emotivo, come a tratteggiare un nuovo dipinto che piano piano si compone, ecco l’artista e la sua vita, le sue emozioni, gli anni di Parigi, il manicomio, i rapporti con il padre, l’amicizia travagliata con l’artista Gauguin e in ultimo il grande mistero che ancora avvolge la sua morte. Non ci importa sapere se davvero Van Gogh fosse pazzo. I suoi quadri e i suoi disegni ci trasmettono continuamente emozioni, insieme alla potenza che esprime il suo tratto e il suo colore. Non sono occhi perduti quelli che vediamo nei suoi tanti autoritratti quindi, ma la più grande, incompresa umanità. E’ sempre il cuore quello che ci colpisce. Ed è questo che andremo a raccontare. “Non posso cambiare il fatto che i miei quadri non vendono. Ma verrà il giorno in cui la gente riconoscerà che valgono più del valore dei colori usati nel quadro.”

icon Scarica comunicato stampa (PDF)

 

Cerca nel sito

Calendario Eventi

Ottobre 2019 Novembre 2019
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31

Impresa in un giorno (SUAP)

impresa un giorno

Portale servizi telematici (SUED)

 portale pst

 

Progetto Tangenziale di Tirano

Banner

CONSULTAZIONE PORTALE CARTOGRAFICO - TIRANO

cartografia tirano

CONSULTAZIONE PORTALE CARTOGRAFICO - SERNIO

pgt sernio


Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione accetta il loro uso. Guarda nel dettaglio i termini della legge privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.